Archivi categoria: il commento di COSIMO DE MATTEIS

BRINDISI-TARANTO 2-0 / note a margine di cosimo de matteis

BRINDISI-TARANTO 2-0 013.jpgBRINDISI-TARANTO 2-0 010.jpgNella giornata in cui cadono le ultime due squadre ancora imbattute (Matera e Gladiator) il Brindisi conquista una bella vittoria –la prima fra le mura amica, la terza complessivamente- con la quale riscatta ampiamente la sconfitta di sette giorni fa a Monopoli. Il successo col Taranto, firmato dagli ottimi Fella e Gambino, è nitido e non lascia spazio a recriminazioni. Eppure non era facile: tuttaltro. Il Taranto –fra le maggiori pretendenti alla vittoria del campionato- veniva da una brutta sconfitta interna ed aveva bisogno dei tre punti.

Ha vinto il Brindisi e, come detto, lo ha fatto con merito. La squadra è apparsa molto concentrata e determinata ed ha dimostrato che la defaillance di Monopoli non solo non ha lasciato cicatrici ma anzi il Brindisi pare aver appreso molto da quella partita. Sarà probabilmente servita la “strigliata” del presidente Flora ma soprattutto il duro lavoro cui mister Ciullo ha sottoposto in settimana i suoi ragazzi.

BRINDISI-TARANTO 2-0 007.jpg

Eh già: questo Brindisi è sempre più “squadra” (ed i tifosi se ne accorgono). Certi meccanismi convincono sempre più, i giocatori pressano e si aiutano, ed in avanti la squadra è sempre pericolosa. Certo, il momento di grazia di Gambino (8 reti in sei giornate, capocannoniere del girone) sta giovando tanto e speriamo duri a lungo. Ma il Brindisi non è “Gambino-dipendente”: è una squadra affiatata, composta da validi elementi scelti con cura e con discernimento  in estate, e notevole è il merito di mister Ciullo non solo nel metterla in campo ma nell’aver creato il giusto clima.

Ciullo difende i suoi calciatori e si fida di loro, ed i giocatori stimano mister Ciullo e lo rispettano con serenità e disciplina. Sembrano solo parole ma è effettivamente così. L’aria che si respira in casa Brindisi è ottima, c’è un notevole rispetto dei ruoli e risulta essere l’ambiente ideale per fare bene. Peccato che in tanti, ancora, in città non si sono avvicinati: la squadra e la società meriterebbero un pubblico ancora piu numeroso.

L’undici sceso in campo col Taranto è ancora una volta diverso rispetto alle altre gare ma oramai è possibile intravedere in filigrana quella che è la formazione base  di mister Ciullo sebbene il tecnico di Taurisano non sia un fissato o peggio un testardo: la rosa è ampia (semmai mancherebbero un paio di ’95 : la regola degli under è nota) ma ottimo è stato finora il lavoro dell’allenatore in riferimento alle scelte compiute. Lo ribadiamo: Ciullo ha le idee chiare e gode della fiducia tanto dei giocatori quanto della società.

Chi sostiene che il Brindisi scia sceso in campo all’insegna del “primo non prenderle” sbaglia: il Brindisi è una squadra costruita con una mentalità offensiva ed a tale criterio si ispira sempre. Certo, con i dovuti equilibri. Ed inoltre si affrontava un Taranto che aveva un solo imperativo: vincere.

Ma i biancazzurri non han fatto catenaccio. Ha ottimamente contenuto il potenziale offensivo tarantino –che è di prim’ordine- dal primo al novantesimo. E l’unico vero rischio corso –Migoni solo davanti alla porta- ha trovato prontissimo Cristiano Novembre. Già, proprio lui. Esageratamente colpevolizzato per alcuni errori compiuti a Monopoli il portiere brindisino si è dimostrato all’altezza della situazione, ripagando così la stima e la fiducia datagli.

L’intera difesa –con in testa Cacace,  sempre più capitano di questo Brindisi- ha lavorato bene, giovandosi anche dell’aiuto e del filtro del centrocampo e dei generosi rientri degli avanti. Marsili si conferma un punto fermo e lo stesso si può dire per De Martino (l’espulsione è solo un peccato veniale). Lì davanti, poi, il Brindisi è micidiale: ha quantità e qualità. Pellecchia sta gradualmente tornando il calciatore che conosciamo e quando Albano comincerà a metterla dentro saranno dolori per tutti. E prezioso è l’apporto che Greco e Tedesco offriranno a questa squadra.

Infine una nota per Fella: il giovane attaccante ha qualità ed anche talento (ricordiamo lo splendido gol al Grottaglie) ed oggi abbiam apprezzato anche la sua prontezza ed il fiuto del gol. Importantissima è stata la sua marcatura: ha sbloccato la gara e lì il Brindisi è stato superlativo nell’insistere e nel cercare il raddoppio. Che puntualmente è giunto sul finale del primo tempo. Lì, ne siamo certi, Ciullo ha capito di aver vinto la partita. E Maiuri ha certamente compreso che i suoi ragazzi non ce l’avrebbero fatta a rimontare i due gol. Così è stato. Risultato giusto, vittoria meritata. Ci dispiacerebbe solo se questa sconfitta costasse la panchina al mister tarantino. Ma questo è il calcio.

cosimo de matteis



 

Serie D Girone H – la 5^ Giornata – IL COMMENTO DI COSIMO DE MATTEIS

Nella Domenica in cui cadono per la prima volta Brindisi e Taranto (che fra sette giorni si affronteranno al Fanuzzi) la “copertina” va alla sorprendente matricola che è lì sopra, davanti a tutte le altre squadre.Non è dato da sapere quanto “durerà” la Progreditur Marcianise in vetta alla classifica ma al momento i numeri parlano fin troppo chiaro: oltre al primato solitario i casertani vantano il migliore attacco, maggior numero di vittorie (4 in 5 gare) e si gode giustamente il momento magico unitamente alla tripletta di bomber Allegretta.  Regolare il cammino del Matera che liquida in casa il San Severo col piu classico dei risultati: 2-0 e secondo posto in perfetta solitudine. I ragazzi di Cosco ora han una trasferta abbordabile e tornassero anche da Pozzuoli coi tre punti potrebbero puntare decisamente alla vetta e, diciamolo, alla Serie C.

Attenzione alla Turris: non che i corallini costituiscano una sorpresa ovviamente ma dopo una partenza col freno a mano tirato infilano due vittorie di prestigio –Monopoli e Taranto allo Iacovone!- che costituiscono un segnale molto forte al campionato.

Con la vittoria nel derby contro il Brindisi  (ne parliamo a parte) il Monopoli conquista tre punti davvero preziosi per classifica e morale. Successo conquistato, con merito, nella prima frazione di gioco e difeso senza grossi problemi lungo il resto della gara. Il Brindisi si consola con bomber Gambino, sempre piu capocannoniere (sette reti per lui) ed autore di una doppietta.

Torna ridimensionata dalla trasferta campana il Grottaglie: non ha sfigurato ma la sconfitta col Gladiator (ancora imbattuta!) ci sta tutta. Real Vico e Manfredonia con due belle vittorie (i sipontini s’impongono in trasferta) si affacciano ai piani alti e respirano ed il calendario li mette di fronte Domenica prossima al Miramare.

La gara di Nardò meriterebbe un discorso lungo: non abbiamo lo spazio e per ora ci limitiamo a registrare il “ritorno” del Nardò ed il pareggio interno col Bisceglie. Ma in tanti “rumoreggiano”. In coda si delineano le “gerarchie” o quantomeno vengono ad individuarsi le squadre che saranno le protagoniste della avvincente lotta per la permanenza. Ma l’equilibrio regna in questo torneo anche nella parte alta: meglio così, ne guadagna l’interesse e lo spettacolo delle partite che sono combattute fino al novantesimo. Alla prossima.

cosimo de matteis

Serie D Girone H – IL COMMENTO DI COSIMO DE MATTEIS

Quattro giornate di campionato e comincia a delinearsi la classifica del Girone H della Serie D sia nella parte alta che nei “bassifondi” della graduatoria. Partiamo proprio da qui, dalla lotta per non retrocedere che rischia d’aver sin da subito una “condannata”: altre due partite senza presentarsi e per il Nardò scatterà automaticamente l’ultimo posto e quindi la retrocessione in Eccellenza. Questo prevede il regolamento. Ed il Campionato non sarà falsato in quanto i punti ottenuti con il Nardò non verranno computati nella classifica.

Vediamo ora quello che succede ai vertici: “resiste” il primo posto del Marcianise –frutto dei tre successi di fila all’avvio- nonostante la sconfitta col Manfredonia (la prima dei sipontini, almeno sul campo) anche se appare difficile che i casertani  possano restare in vetta a lungo. In verità i numeri parlano chiaro e dicono che la matricola “terribile” guidata da mister Foglia Manzillo ha il maggior numero di vittorie (3), migliore attacco (dieci reti messe a segno), migliore media inglese (+1) ed, appunto, maggior numero di punti (9). Ma cominciano a “carburare” le big del torneo: la Turris, ad esempio, coglie tre punti preziosi  contro il forte Monopoli  e va a piazzarsi alle spalle della coppia che insegue il Marcianise ossia Taranto e Matera.

Proprio queste due squadre si direbbero le migliori indiziate a dominare il Campionato: entrambe ancora imbattute (il Matera ha persino la porta inviolata) le squadre di Maiuri e Cosco sono composte da calciatori di indubbia qualità e le rispettive società puntano decisamente a vincere il campionato.

Attenzione, però: imbattuto dopo quattro turni è anche il Brindisi. La squadra allenata dall’ottimo Salvatore Ciullo rappresenta il maggior punto interrogativo e di difficile collocazione: se uscirà imbattuto dalle prossime due sfide (Monopoli e Taranto) allora potrà dirsi a pieno titolo fra le squadre che possono puntare molto in alto. Continuiamo a ritenere che molto dipenderà dall’apporto di bomber Albano che il Presidente del Brindisi, Antonio Flora, ha fortemente voluto per rinforzare ulteriormente l’attacco.

Anche il Bisceglie è ancora abbastanza indecifrabile come potenziale e soprattutto arduo dire se la squadra allenata da Bitetto può puntare alla Serie C: ha già quattro gol al passivo, ha perduto già uno scontro diretto (col Monopoli) e ieri s’è fatta incredibilmente rimontare sul proprio campo dal Taranto.

Questi non sono giudizi inappellabili ma semplici letture che possono confermarsi piu o meno esatte. Anche il Grottaglie, ad esempio, secondo chi scrive queste modeste note, era stata definita una delle squadre piu deboli del Girone” eppure la squadra  di Alberto Bosco è ora al quinto posto ed ha infilato due nette vittorie esterne di fila. Certo, Domenica va sul campo della Gladiator (che è la quarta squadra ancora imbattuta) e sarà dura ma intanto si gode il momento felice e il primato di bomber Formuso fra i marcatori (5 reti, come Gambino del Brindisi).

Onesto rendimento per le due matricole foggiane: San severo e Manfredonia, per ora, galleggiano in acque tranquille.

In coda stentano Puteolana e Real Metapontino (ancora a secco di vittorie, le uniche due del girone) ed i napoletani han perso tre gare su quattro: e le dimissioni di mister Ambrosino –pare pronto Potenza a sostituirlo- non è detto che risolveranno la situazione.

Ecco, ci fermiamo qui, ribadendo che questo Girone appare davvero avvincente e che è tutto da seguire, giornata dopo giornata: ad esempio Domenica ci sono, fra le altre gare, due match imperdibili e cioè Monopoli-Brindisi e Taranto-Turris! Alla prossima.

cosimo de matteis

le “PAGELLE” di Grottaglie-Brindisi (ed il “nodo” da scioglere)

Ho atteso 24 ore (ero tentato, lo confesso, di scriverlo subito dopo il novantesimo) ma ora bisogna dirlo. E del resto Mister Ciullo lo sa bene e, ne sono certo, sta solo rinviando di qualche settimana. Di cosa parlo? Un attimo, ci arrivo. E se siete impazienti andate a leggere altrove.

commenti, grottaglie-brindisi 0-3, le pagelle, domenica 1 settembre 2013

Dunque il Brindisi ha vinto con una delle squadre piu deboli del Girone (non me ne vogliano a Grottaglie ma son loro i primi che, testualmente, han affermato nella immediata vigilia “per oggi non c’è dubbio che per noi è un’impresa ardua … direi impossibile … ci affidiamo solo alla imprevedibilità del calcio …” ) ed il risultato rotondo è venuto  per una invenzione di Loiodice (che, non lo dirà mai, ma forse intendeva solo metter la palla in mezzo)  verso fine gare ed una vera prodezza di un ragazzo di ventanni al 94esimo.

A proposito del ragazzino: è evidente a tutti che Giuseppe Fella (talento puro)  deve giocare. Chi ha queste frecce nel proprio arco non può restar in panchina.

Bene, “ridimensionato”  il tre a zero fuori casa (pure a Trani si vinse uguale, e quel Trani era persino piu forte di questo Grottaglie) che non significa nulla:  e del resto chi ha usato toni trionfalistici oggi saranno gli stessi che Domenica sera  intoneranno il de profundis  se non giungerà una vittoria contro la Gladiator.

E saranno gli stessi che faranno “processi” giornalistici se  dal Cilento, alla Terza di campionato,  si tornerà senza punti. Nulla di nuovo, per carità. Tifosi e giornalisti non hanno spesso la virtù fondamentale della coerenza e dell’equilibrio. Semmai c’è un punto fondamentale da chiarire: quali sono gli obiettivi del Brindisi?

Ovviamente nessuno mi risponderà, nessuno lo dirà, e del resto nessuno lo ha detto. Sono tutti in attesa. Ed aspettando Godot che possiam permetterci certi undici: ma chi capisce di pallone sa bene che se il Brindisi vuole puntare alla Serie C ( ma il Brindisi vuole  puntare alla Serie C?) la formazione cambierà. Mister Ciullo è il primo a saperlo. Anzi, il primo a saperlo è il Presidente Flora. Vedremo.

Serie D Girone H – 1° giornata – RISULTATI E CLASSIFICA – IL COMMENTO DI COSIMO DE MATTEIS

Brindisi, San Severo e Bisceglie corsare (la prima con un rotondo tre a zero, le altre due di misura), Taranto “stecca” la prima allo Iacovone, Matera e Monopoli  stentano ma ottengono due successi interni di misura (i biancoverdi col ripescato Manfredonia). Il Nardò recupera un punticino in casa ed inizia la rincorsa (i leccesi debbono scontare ben 4 punti di penalizzazione) mentre la Gladiator, col pareggio interno a porte chiuse nel derby con la Turris, annulla la penalizzazione ed è a quota zero. In vetta, naturalmente, tutte le vincenti ad eccezione del Brindisi che, sempre in virtù delle penalizzazioni, si appaia dietro le prime a due punti. Presto, ancora troppo presto per qualsiasi giudizio. Per ora accontentiamoci delle nude cifre. Eccole:

 

1° Giornata – Domenica 1 settembre 2013

Grottaglie-Brindisi 0-3 Gambino, Loiodice, Fella

Gelbison Cilento-Bisceglie 0-1 Del Core

Matera-Mariano Keller 1-0 Migliaccio

Monopoli-Manfredonia 1-0 Amato

Nardò-Real Metapontino 1-1 aut.Manzillo (N), Cirigliano(R)

Marcianise-Francavilla PZ 2-0 Temponi, Citro

Puteolana-San Severo 1-2 Conte(S),Ladogana(S),Salvati(P rig)

Gladiator-Turris 1-1 Lucchese(T), Ferraro(G)

Taranto-Real Hyria 0-0

CLASSIFICA

Monopoli 3

Bisceglie 3

San Severo 3

Matera 3

Marcianise 3

Brindisi 2*

Real Hyria 1

Turris 1

Real Metapontino 1

Taranto 1

Manfredonia 0

Puteolana 0

Gelbison 0

Mariano Keller 0

Gladiator 0 *

Nardò –3**

* 1 punto di penalizzazione

** 4 punti di penalizzazione

 

 

 

, RISULTATI E CLASSIFICA, TUTTI I RISULTATI, DOMENICA 1 SETTEMBRE 20131° Giornata – Domenica 1 settembre 2013,  Grottaglie-Brindisi 0-3 , Gelbison Cilento-Bisceglie 0-1 , Matera-Mariano Keller 1-1 , Monopoli-Manfredonia, Nardò-Real Metapontino 0-0, Marcianise-Francavilla PZ 2-0 , Puteolana-San Severo 1-2,  Gladiator-Turris 1-1,  Taranto-Real Hyria 0-0

 

MISTER SALVATORE CIULLO (quando ancora tutti volevano l’imperatore io scrivevo questo)

CIULLO SALVATORE.jpegTempo addietro scrissi queste cose su Mister Ciullo. Era appena giunto a Brindisi (che gran coraggio!) con una dirigenza in disfacimento, debiti, spogliatoio spaccatissimo (indovinate per merito di chi) squadra allo sbando, giocatori che partivano, tifosi(e non solo tifosi!)  in città ancora legati alla idea che l’imperatore era e restava il top, il migliore allenatore possibile e che, prima o poi, ci avrebbe portato in Serie A. Oggi –soltanto oggi- qualcuno si ricrede.

Bene, in codesto bailamme, di cui probabilmente s’ode ancora la eco nelle mie parole, giunge a Brindisi Salvatore Ciullo. Sapevo non molto di lui, tuttavia ebbi a scrivere queste cose:

 Ecco perchè apprezzo la scelta di Mister Salvatore Ciullo

Non voglio scrivere tanto: lo farò prossimamente e comunque ho già espresso il mio (personale, personalissimo s’intende!) gradimento delle scelte effettuate: per me Enzo Carbonella rappresenta una garanzia (per mille motivi che dirò) e guardo molto favorevolmente alla scelta di Daniele Vantaggiato di cui, fra le altre cose, è da apprezzare la umiltà di mettersi a fare il Vice.

Dei “nuovi” calciatori ho già detto ma quello che  vorrei fare presente ai lettori e tifosi è quanto segue: il nuovo Allenatore del Brindisi, Salvatore Ciullo, ha candidamente ammesso che avrebbe preferito allenare in categorie professionistiche e che, appunto, attendeva/sperava una chiamata dalla Lega Pro. Bella scoperta, voi direte: è normale che uno vuole allenare in categorie piu prestigiose. Certo, ma non è da tutti dirlo. Mi spiego: mister Ciullo avrebbe potuto non dire questa cosa. O addirittura avrebbe potuto mentire –in tanti purtroppo lo fanno nel mondo del calcio- e fare dichiarazioni in cui esaltava la “famosa piazza brindisina” o altre cose simili. No, Ciullo ha detto chiaro che attendeva una chiamata dalla Lega Pro.

Ecco: tale sincerità mi sorprende positivamente e voglio evidenziarla e lodarla. E’ un buon modo di presentarsi. Vi dico di più: se ci sarà un minimo di tranquillità generale (societaria, della città, della Amministrazione, tifosi, stampa eccetera) io credo che il Brindisi potrà fare bene. In tal senso ribadisco che sono soddisfatto delle scelte operate da Galluzzo cui va dato atto di essersi trovato ad affrontare (da solo o quasi) una situazione veramente difficile. Un capitolo a parte è costituito dal rapporto con il Comune: ma di questo, appunto, parleremo in parte.

Tuttavia i brindisini (i tifosi soprattutto) han già avuto modo di valutare e giudicare. Tornando a alla squadra: un caro e sincero buon lavoro a Mister Ciullo ed i suoi ragazzi (vecchi e nuovi), a Daniele Vantaggiato e ad Enzo Carbonella. Forza Brindisi: siamo con voi.

cosimo de matteis


Ecco. Non voglio nessuna medaglia, per carità. Anzi: il riproporre queste righe farà infuriare coloro che, non potendo affrontarmi con argomenti, mi calunniano, mi deridono, mi denigrano e mi minacciano (si, anche quello. E non solo una volta). A me dispiace ma ho il terribile (ed imperdonabile) “difetto” di dire sempre la verità. Senza guardar in faccia a nessuno (ma veramente. Non me ne glorio, né me ne vanto, anzi. E mi è costato caro sotto molti aspetti: da quello lavorativo a quello delle relazioni personali ed altro). Ai primi di dicembre (senza conoscere -ovviamente: non sono un mago!-  i risultati che avrebbe conseguito) dicevo di Mister Ciullo quello che solo oggi –ed a fatica. Anzi: a malincuore persino) altri dicono e scrivono.

Fatevene una ragione: io ho quasi sempre ragione e (molti di) voi avete sempre torto: così quando attendevate sotto al Monumento che atterrassero i marziani olandesi, così come quando criticavate Mister Silva, così come quando dicevate che “è chiaro, si sa, tutta la città lo vuole, lui è l’allenatore ideale del Brindisi” (ed il fatto è che lo si diceva sul serio! Per questo “ideale” son stati mandati via fior di: dirigenti, tecnici, atleti e mantenuta una perpetua “contestazione” . E meno male che le indagini proseguono) 

E molte altre volte. Per esempio quando sostenevo che Mariano dovesse giocare ed invece marciva in tribuna o quando, tempo fa, sostenevo  che Pinamonte non era un buon giocatore (e su facebook erano stati creati gruppi tipo “quelli che sognano pinamonte capocannoniere” con centinaia di iscritti…) mentre decine di ultras -con due troupe televisive e giornalisti!!!!!- andarono di notte all’aeroporto ad accoglierlo manco fosse Sivori o Maradona.

Serie D Girone H – la 28esima Giornata, (11^ di Ritorno) – ISCHIA VIRTUALMENTE IN SERIE C, POTENZA E TRANI IN ECCELLENZA

risultati e classifica serie d girone h, domenica 24 marzo 2013, brindisi-foggia 1-1, bisceglie-ischia 2-3, matera-sant'antonio abate 3-2, tabellino, classifica,

il commento di cosimo de matteis

 

risultati e classifica serie d girone h,domenica 24 marzo 2013,brindisi-foggia 1-1,bisceglie-ischia 2-3,matera-sant'antonio abate 3-2,tabellino,classifica, commenti, cifre, statistiche, marcatori, il commento di cosimo de matteis

La giornata odierna lo ha oramai detto a chiare lettere (semmai vi fosse ancora qualche dubbio): l’Ischia è la regina del campionato e, con merito, approda in Serie C dopo qualche lustro d’attesa. Solo la matematica non da il “placet” ma i gialloblu di Campilongo (c’è molto di suo in questo successo) non solo si avviano alla vittoria del torneo ma, con buone probabilità, stabiliranno dei record difficilmente eguagliabili. Oggi ennesima dimostrazione di forza: tre gol sul campo del Bisceglie col piglio delle grandi squadre. A titolo informativo occorre dare la notizia della caduta -a Monopoli- della Gladiator. Onore e merito però a Gatta e compagni: han disputato ben 27 gare senza una sconfitta e, almeno nelle primissime fasi della stagione, han conteso il primato proprio all’Ischia. In coda appare oramai critica la situazione di Potenza e Trani. E se si aggiunge la probabile retrocessione (diretta) del pur generoso Grottaglie -oggi caduto in casa sotto i colpi del cinico Taranto che è ad immagine e somiglianza di Pettinicchio: in riva allo Jonio si affrettino a confermarlo perchè sarebbe folle preparare la prossima stagione prescindendo dall’attuale tecnico- allora emerge come la Puglia perderà ben due sue squadre da quello che rimane pur sempre un campionato nazionale. Ed ora vediamo nel dettaglio i risultati odierni (inclusi gli anticipi) e la nuova classifica:

 

Domenica 24 Marzo 2013 – Ore 14.30

Risultati del Girone H:

Grottaglie-Taranto 1-2 

Bisceglie-Ischia 2-3

B R I N D I S I -Foggia 1-1

CTL Campania-Battipagliese 2-1(giocata sabato 23)

Matera-S. Antonio Abate 3-2

Monospolis-Gladiator 3-1

Nardò-Fortis Trani 1-1

Pomigliano-Francavilla 0-0

Puteolana-Potenza 4-0 (giocata sabato 23)


La CLASSIFICA dopo 28 turni (11esima di ritorno)

ISCHIA 74

GLADIATOR 59

MATERA 54

MONOPOLI 53

BISCEGLIE 50

FOGGIA 42

TARANTO 39

BATTIPAGLIESE 39

POMIGLIANO 38

FRANCAVILLA PZ 35

CTL CAMPANIA 34

NARDO’ 34

B R I N D I S I 34

PUTEOLANA 32

SANT’ANTONIO ABATE 30

GROTTAGLIE 17

TRANI 12

POTENZA 9


Campionato Regionale 2^ Categoria Girone C – LA PRESENTAZIONE DELLA GIORNATA (di cosimo de matteis)

cosimino.jpgLa terza Giornata del Campionato di Seconda Categoria Girone C  potrebbe vedere dividersi la coppia in vetta alla classifica: il Guagnano ed il Mesagne, infatti, hanno due gare con differente quoziente di difficoltà. E precisamente mentre il Guagnano ha una dura trasferta, contro il Palagianello, sul terreno di gioco di Contrada Parco Casale l’altra capolista –il Mesagne- dovrebbe aver vita facile contro il La Rosa Brindisi: la squadra del Capoluogo, infatti, ha fin qui raccolto solo sconfitte: cinque gol subiti ed uno solo fatto. Facile pronosticare il successo mesagnese sul campo del quartiere Bozzano. Cercheranno di inserirsi, in questo turno,  nella lotta per i primi posti anche il San Pietro Vernotico –però chiamato ad un match impegnativo a Pulsano con il Paolo VI- lo stesso Palagianello e, soprattutto, il Tuturano. I rossoblu brindisini hanno iniziato il Campionato in crescendo: vittoria interna col Monteiasi e prezioso pareggio sull’insidioso campo del San Marzano –altra pretendente alla vetta oggi impegnata sul facile campo di Statte– e quindi l’impegno odierno per i tuturanesi è una sorta di test probante per vagliare le proprie potenzialità d’alta classifica. Di fronte avranno, oggi pomeriggio, l’Olimpia Crispiano. Il volenteroso team biancazzurro –matricola in questo torneo- a sua volta dovrà dimostrare di valere il buon inizio di stagione.

Una gara tutta da seguire è quella di San Vito dove l’Andrisani di Mister Di Ponzio si reca decisa a conquistare i primi punti del torneo e c’è da stare certi che l’Atletico San Vito avrà davvero un osso duro da affrontare. Chiude il programma la gara di Talsano tra Anspi Fatima e Monteiasi coi bianconeri di casa in cerca dei primi punti stagionali ed il Monteiasi apparso un po’ appannato in questo primo scorcio di campionato.

cosimo de matteis


3^ Giornata – Domenica 7 Ottobre ’12 – Ore 15.30

ANSPI N.S.FATIMA – MONTEIASI

(Campo Comunale di Talsano)

ATLETICO SAN VITO – ANDRISANI CALCIO 1995

(Campo “E.M. Citiolo” di S.Vito dei Normanni)

GIOVENTU PALAGIANELLO – FOOTBALL GUAGNANO 2008

(Campo Comunale di Palagianello)

PAOLO VI – SAN PIETRO VERNOTICO

(Campo Comunale di Pulsano)

QUARTIERE LA ROSA BR – MESAGNE CALCIO 2011

(Campo Quartiere Bozzano, Brindisi)

REAL STATTE –  SAN MARZANO

(Campo Comunale di Statte)

TUTURANO –  OLIMPIA CRISPIANO

(Campo Comunale di Tuturano-Brindisi)

*

LA CLASSIFICA DOPO DUE GIORNATE:

 

Football Guagnano

 Mesagne Calcio

 San Marzano

 San Pietro Vernotico

 Gioventu Palagianello

 Olimpia Crispiano

 Tuturano

 Atl. San Vito

 Paolo VI

 Monteiasi

 Andrisani Calcio

 ANSPI Fatima

 Quartiere La Rosa

 Real Statte

 

ANSPI N.S.FATIMA – MONTEIASI, ATLETICO SAN VITO - ANDRISANI CALCIO 1995, GIOVENTU PALAGIANELLO - FOOTBALL GUAGNANO 2008, PAOLO VI - SAN PIETRO VERNOTICO, QUARTIERE LA ROSA BR - MESAGNE CALCIO 2011,REAL STATTE -  SAN MARZANO,TUTURANO -  OLIMPIA CRISPIANO, seconda categoria gir.c (3^ giornata), la presentazione della giornata (di cosimo de matteis)

La formazione dell’Olimpia Crispiano oggi chiamata ad una impegnativa gara sul campo del Tuturano

 

NARDO’-BRINDISI 0-2 / il commento di cosimo de matteis

: nardò-brindisi, giulio fusco, antonio junior cialdini, villa, domenico frasciello, calcio, brindisi, commenti su nardò-brindisi,tabellino, risultato, risultato finale, gol di villa, gol di frasciello, anticipo serie d, laboragine show , nardò-brindisi 0-2, il commento di cosimo de matteis, solo calcio brindisinoNARDO’-BRINDISI 0-2

RETI: 28° st Villa(B), 12°Frasciello (B)

NARDO’ : Novembre, Febbraro, Mastria, Marzocchi,  Vergori, Vetrugno(Cap.), Corvino( dal 32° st Patera) De Razza(dal 21°st Taurino), Vigliotti,  Di Fino, N. Majella.   Allenatore Luca Renna (In panchina: Mirarco, Giordano, Lanotte, Alessandrì)

BRINDISI: Agostini, Frasciello, Staiano, Fusco(dal 30° st Allocca), Mirabet, Cacace, Bartoccini, Laboragine(Cap.), Albano, Villa(dal 23° st Rizzi), Palmiteri(dal 37° st Greco).Allenatore Mino Francioso. (In panchina: Cialdini, Sain, Mboup, Mariano,)

Arbitro: Prontera di Bologna(assistenti Antonacci e Valentini di Bari)
Note: Manto erboso reso scivoloso dalla pioggia caduta prima della gara, spettatori un migliaio circa (con rappresentanza di un centinaio di tifosi del Brindisi). Ammoniti:Vergori(N), De Razza(N),Fusco(B). Angoli: Nardò 1, Brindisi 6.

Dopo il pari conquistato a Secondigliano molti han sostenuto che il Brindisi ha fatto un ferreo catenaccio. Chi scrive era pure sabato al Barassi: la squadra nel secondo tempo ha solo subìto gli avversari ed esser riusciti a non perdere è apparso fortunoso. Ed io per primo ho detto e scritto che il Campania avrebbe meritato ampiamente la vittoria.

Faccio queste considerazioni acchè in questa vittoriosa serata leccese (in cui è andato tutto bene) non si ecceda in trionfalismi o, appunto, si dimentichi i limiti che erano emersi nelle prime gare –nettamente surclassati in casa da Monopoli e Bisceglie- e che solo il tempo potrà dire se era solo una questione di affiatamento –la oramai celebre amalgama- o se effettivamente il Brindisi può vincere solo contro il Nardò ed altre squadre di pari valore.

Non appaia ingeneroso il mio giudizio: sono stato fra i primi a riconoscere il valore dei ragazzi giunti a Brindisi (ad esempio, per molti Giulio Fusco è una sorpresa: io da tempo “tifavo” per il suo impiego giacché ne avevo colto potenzialità tecniche, tattiche ed umane. E stasera tutti lo hanno potuto apprezzare) e della forza di calciatori come Palmiteri, Laboragine e lo stesso Villa. Ma una rondine non fa primavera: il Brindisi ha giocato bene ed ha vinto con merito, ma ricordiamo che di fronte c’era una squadra apparsa spaesata e poco concreta (…)

Leggi il commento completo, CLICCA SUL LINK SEGUENTE:

http://solocalciobrindisino.wordpress.com/2012/09/16/nardo-brindisi-0-2-prima-vittoria-con-merito-ma-guai-ad-esaltarsi/